L’accordo poteva essere più ambizioso, ma è un primo passo”. Così il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, lasciando la sede del Consiglio europeo ha commentato l’intesa dell’Europa sulla questione migranti: si farà carico di 40mila migranti da distribuire in due anni. A questi si aggiungono altre 20mila persone provenienti dai campi profughi da Paesi terzi, da ricollocare su base volontaria. Renzi ha detto ai cronisti: “Se di fronte a un piccolo numero come 40 mila persone non vi fosse stata solidarietà, sarebbe stata una presa in giro nei confronti dell’Europa, di cui siamo stati fondatori con altri cinque paesi per la libertà, la democrazia e i valori condivisi: non può essere la patria dell’egoismo, ma della condivisione dei valori”