Fuori dal Senato docenti di ruolo e della terza fascia protestano contro il ddl scuola: si incatenano, bloccano la strada, cantano ‘Bella ciao’ e recitano gli articoli della Costituzione. “Renzi sta svendendo la scuola pubblica a Confindustria“, dice un’insegnante. “Io ero iscritta al Pd e ho bruciato la tessera, Renzi è finito. Chi lo vota più? Si è inimicato tutto il mondo della scuola”, dice un altro docente. “La fiducia è una cosa seria Renzi, questo è un sopruso di un governo arrogante”, aggiungono. Gli insegnanti provano ad arrivare sotto Palazzo Madama, ma un fitto cordone della polizia e le camionette li bloccano. Alla fine i manifestanti avanzano di qualche metro dopo piazza delle Cinque Lune, luogo del raduno  di Irene Buscemi