“Le alghe del tuo vicino, ti sembran più verdi sai, vorresti andar sulla terra, non sai che gran sbaglio fai”: cantavano così le creature marine del popolare cartone animato La Sirenetta, ignare che “sulla terra”, una volta all’anno, va in scena qualcosa che somiglia al loro mondo marino. E’ la Mermaid Parade, arrivata quest’anno alla sua 33esima edizione. Ogni anno dal 1983, il sabato più vicino all’inizio dell’estate decine di persone si ritrovano per le vie di Coney Island sfoggiando costumi da sirenetta, pirati, pesci e creature marine d’ogni sorta.

E la pioggia newyorkese non ha intimorito gli eccentrici partecipanti di questa edizione: “E’ ancora più divertente se piove, siamo tutte creature marine”, ha detto Joe Coddington di Queens, che indossava un cappello granchio e una maglietta che diceva “spalmami di burro”. Make up vistosi, look che sublimano l’idea di kitsch, sorrisi disinvolti e comitive al limite del surreale per uno spettacolo unico: quest’anno, lo scettro di regina Mermaid lo portava la ballerina di burlesque Julie Atlas Muz, mentre Re Nettuno era impersonato dall’attore Mat Fraser.  Nel 2014 suscitò grande scalpore il sindaco di New York, Bill de Blasio, che si presentò alla sfilata presentato in costume da pirata. Questa volta, però, ha dato forfait.