Ospite della trasmissione ‘Benvenuti nella giungla‘ su Radio 105, Michele Santoro dà un giudizio pessimo sulle risposte dell’Europa al dramma dei profughi che arrivano in Italia. “C’è bisogno di umanità, anche per coloro che non scappano dalle guerre, ma più semplicemente dalla fame”. A ventiquattr’ore da ‘Rosso di Sera’, l’ultima, speciale puntata di Servizio Pubblico in diretta alle 21 da Largo Annigoni a Firenze, Santoro risponde a Gianluigi Paragone sul muro di quattro metri annunciato dall’Ungheria per bloccare il confine con la Serbia: “Da noi? La situazione è diversa, ma più del razzismo quello che mi preoccupa è il conformismo e la rassegnazione mentre accadono queste cose”