“Solo quando nelle scuole ci sarà anche la carta igienica si può dare un euro alle scuole paritarie”. Così il costituzionalista Stefano Rodotà commenta le novità introdotte dal governo Renzi in tema di scuola pubblica e privata, aggiungendo: “Ritengo che sia stata fatta veramente una cosa orrenda con la parificazione“. A margine delle Giornate del lavoro della Cgil, a Firenze, Rodotà parla anche della riforma della scuola: “Le dichiarazioni che fa Renzi sono velocissime, ma lui aveva detto che era una legge intoccabile, perfetta”. Poi, il costituzionalista, spiega: “Perché ha detto ‘sono pronto a rimettere mano?’. Perché si è reso conto che non è vero che la società non esiste. Esiste, ed è una società capace di leggere sé stessa”  di Max Brod