Ieri sera sono andati in scena gli MTV Music Award, in diretta dal parco delle Cascine di Firenze. Un evento che nasconde al suo interno un altro evento. Perché da una parte è innegabile che l’appuntamento annuale con gli Oscar della Musica italiana targati MTV è diventato nel corso del tempo un classico, un po’ come era una volta col Festivalbar dall’Arena di Verona, dall’altra è pur vero che la musica è praticamente scomparsa dall’emittente che in qualche modo ha imposto il videoclip come linguaggio, per cui vedere così tanti protagonisti del pop nostrano al cospetto dello storico marchio fa una certa impressione.

A presentare l’evento un nome che, in genere, compare nella lista degli ospiti musicali dei programmi, non dei conduttori: Emis Killa. Va detto che il rapper di Vimercate ha dimostrato una certa disinvoltura, riuscendo a condurre il programma in maniera convincente, nonostante un copione che a volte gli ha messo in bocca battute non proprio riuscite. Ci fosse stato un premio alla conduzione nessuno avrebbe avuto nulla da ridire. Come nessuno, si suppone, ha avuto da ridire per gli altri premi, tutti abbastanza ‘telefonati’. Mattatore è stato Marco Mengoni vincitore in tre categorie, Superman, Artist Saga e Best performance (quest’ultima decretata in diretta dagli spettatori a casa, tramite twitter). Premi anche per Alessandra Amoroso come Wonderwoman, Fragola come New Artist, Senza scappare più di Tiziano Ferro, assente, come miglior video, e J-Ax come Italian Icon. Altri premi assegnati anche a artisti internazionali, da Lady Gaga a Demi Lovato, passando per i Tokio Hotel e Justin Bieber. Insomma, nessuna nuova, buona nuova.

Sul palco, oltre a Mengoni, Fragola e J-Ax, in compagnia de Il Cile, si sono alternati anche Fedez e Noemi, Francesca Michielin, Max Pezzali, altra icona mica da ridere, e Malika Ayane, stavolta in versione full jeans, forse un po’ azzardata. Prima della partenza erano stati premiati come Tim Best New Generation i Santa Margaret, band da tenere assolutamente d’occhio. A conclusione della serata Emis Killa, che si immagina avrà faticato non poco a vedere i suoi colleghi agitarsi sul palco, lui bloccato dentro camice e giacche, si è esibito in una versione live di Wow, giusto epilogo di uno show mirato per un pubblico giovane, che con ogni probabilità avrà seguito il tutto dallo smartphone, invece che dal televisore. Gli auguriamo una lunga carriera nelle vesti di presentatore.

In questi giorni ci sono rumors riguardo il futuro di MTV. Si è parlato di un interessamento da parte di SKY. Non sappiamo le sorti che spettano a questa emittente che così tanto ha influito nei costumi musicali delle ultime decadi, la speranza è che non si torni a parlare di musica in quel contesto solo ed esclusivamente in occasioni come quella di ieri (o del prossimo MTV EMA, organizzato proprio da MTV Italia a Milano). Vero che i video, ormai, vengono pubblicati direttamente su Youtube, Vevo o direttamente sui social, ma un ulteriore spazio per la musica, seppur di musica così mainstream e giovanile come quella andata in scena ieri, sicuramente non può che essere visto come un bene.