“Anche oggi si è svolta in Campidoglio una seduta farsa. Si sono presentati in Aula, come niente fosse, hanno sostituito gli arrestati, sono stati in Aula Giulio Cesare, come dicono loro, per ‘accertare un disavanzo tecnico’ che noi chiamiamo, invece, un buco, una voragine di 853 milioni di euro“. E’ quanto denuncia Marcello De Vito del Movimento 5 stelle e altri consiglieri pentastellati dopo la seduta lampo sul bilancio che si è svolta in Aula Giulio Cesare. E ha ancora spiegato il rappresentante del Movimento 5 Stelle: “Sono giorni che lo denunciamo e non ne parla nessuno. Adesso i cittadini romani saranno obbligati a pagare circa 30 milioni di tasse in più nei prossimi 30 anni”. De Vito ha poi ricordato che l’assessore Scozzese è stata in aula per la sua relazione, ha esposto in “maniera molto tecnica” la delibera e “nel momento in cui dovevamo esporre le nostre pregiudiziali e i nostri emendamenti se ne sono andati. Hanno chiuso il Consiglio. Non c’era nemmeno il sindaco. Del resto non c’è mai stato”  video di Mauro Episcopo