“Mi pare evidente la strumentalità dell’iniziativa di Roberto Maroni. Il governo lo ignori”. Il presidente (dimissionario) della conferenza Stato-regioni Sergio Chiamparino attacca frontalmente il governatore della Lombardia che ha minacciato i sindaci lombardi di tagliargli i fondi qualora accogliessero i migranti dei rispettivi comuni come chiesto da una circolare del Viminale. “Quando Maroni, Zaia e Toti affermano che hanno già un certo un numero di migranti fanno un’informazione falsa, perché sommano i profughi a chi è lì da vent’anni”. La preoccupazione del presidente del Piemonte è però per Bruxelles: “Bisogna che il governo possa andare in Europa più forte e non messo in discussione al suo interno, per poter chiedere una collaborazione, che invece mi sembra molto stentata dagli altri paesi”  di Cosimo Caridi