Gonzalo Higuain e Mariano Andujar sono stati aggrediti dai tifosi dopo la sconfitta per 4-2 contro la Lazio, gara decisiva per la qualificazione in Champions League. Nella notte tra il 31 maggio e il 1° giugno, i due giocatori del Napoli, finito il rinfresco al San Paolo, organizzato dal presidente Aurelio de Laurentis, sono saliti su due diversi taxi e durante il tragitto sono stati assaltati da un gruppo di tifosi che, arrabbiati per la sconfitta, hanno lanciato pietre contro le autovetture.

Uno dei sassi ha rotto il vetro del taxi su cui viaggiava Higuain, insieme alla madre Nancy e al fratello Nicholas. Il calciatore non hanno sporto denuncia, anche se la Polizia sta indagando. Secondo una prima ricostruzione, non si tratterebbe di un’aggressione mirata nei confronti di Higuain. Ai calciatori del Napoli la polizia aveva suggerito un percorso alternativo a quello abituale per raggiungere la tangenziale, lo stesso riservato al pullman della Lazio e che è stato percorso dagli altri compagni di squadra. Una scelta voluta dalle forze dell’ordine perché già dall’arrivo del pullman degli azzurri al San Paolo c’era stata tensione con i tifosi.