Castellaneta Marina, provincia di Taranto, pochi abitanti. Anzi, quasi nessuno, la stagione non è ancora iniziata. Eppure da un paio di settimane, in alcune ore della giornata, c’è la folla. C’è Vasco Rossi. Il Komandante è qui, come ogni anno dal 2012; è qui per preparare la prossima tournée (inizia a Bari il 7 giugno), tra un massaggio, una corsa, dieta ferrea, le prove del concerto insieme a tutta la band. Ed è folla, appunto. Lo aspettano ovunque, dalla hall dell’albergo la mattina, a dopo pranzo, fino ad assediare la discoteca dove suonano. Autografi, selfie, lacrime, urla, striscioni e manifesti, sembra un happening di tre generazioni. Noi del Fatto Quotidiano lo abbiamo incontrato, ci ha raccontato di come nascono le sue canzoni; delle sue paure, della malattia; del rapporto con la psicanalisi: “In questo periodo sto leggendo Jung. Nella vita avrei voluto diventare psicanalista, e forse sul palco un po’ lo sono…”. Leggi l’intervista sul Fatto oggi in edicola