“La vostra non è democrazia digitale”, lo attacca la giornalista dell’Huffington Post Angela Mauro. Il vicepresidente della Camera ed esponente di punta del M5S, Luigi Di Maio, ospite ieri a Ottoemezzo su La7, risponde così sull’argomento: “Grazie alla democrazia digitale e alle regole che ci diamo non abbiamo né condannati né indagati nelle nostre liste per le regionali”. Lo incalza la padrona di casa Lilli Gruber: “Certo, si potrebbe discutere di quanti sono quelli che votano, eccetera”. Ancora la Mauro: “Ci sono movimenti nati in rete che usano davvero strumenti di democrazia digitale, per quanto farraginosi, vedi LiquidFeedback“. Di Maio ribatte: “Perché, che fine hanno fatto i Pirati con LiquidFeedback?”. Mauro: “Però allora non vendetevi la democrazia digitale se non c’è”