Potrebbe rappresentare un balzo in avanti sulla possibilità di ottenere farmaci a basso costo, ma nello stesso tempo sta sollevando polemiche e perplessità sui possibili rischi la tecnica messa appunto dagli scienziati dell’Università della California a Berkeley. Si tratta della morfina fai date facile da ottenere grazie ai primi microrganismi capaci di trasformare lo zucchero in un precursore dei farmaci oppiacei. La tecnica è descritta sulla rivista Nature Chemical Biology.

Per i ricercatori, coordinati da John Dueber, è chiaro che la tecnica potrebbe avere un impatto rivoluzionario sulla produzione dei farmaci: non solo morfina, ma antibiotici e antitumorali. Tuttavia nella stessa rivista altri esperti lanciano un allarme sulla possibilità di creare droghe usando i lieviti, con un procedimento che ricorda molto da vicino quello delle birre artigianali.

Grazie ai progressi fatti da genetica e biologia sintetica, da anni microrganismi come lieviti e batteri vengono ingegnerizzati modificandone le caratteristiche e inducendoli a produrre farmaci fondamentali per l’uomo, come l’insulina. Modificando un comune lievito, il Saccharomyces cerevisiae, i ricercatori californiani sono riusciti per la prima volta a sintetizzare molecole molto difficili da produrre, ma fondamentali per le applicazioni mediche.

Una di queste è la benzilisochinolina, lo scheletro per produrre morfina, codeina e una grande varietà di farmaci, come antibiotici e antitumorali. Con questo metodo è possibile produrre la base di queste molecole semplicemente alimentando i lieviti con degli zuccheri.

L’articolo su Nature