A rimanere in gara nella sessantesima edizione dell’Eurovision Song Contest, dopo la prima semifinale sono dieci Paesi. Continueranno la competizione musicale la Russia, rappresentata da Polina Gagarina, la Romania con il gruppo “Voltaj”, l’Albania, l’Armenia, l’Ungheria, la Grecia, l’Estonia, la Georgia, la Serbia e il Belgio.  Non ce l’hanno fatta i finlandesi della band punk PKN. Tra gli altri Paesi già qualificati ci sono Australia, Italia, rappresentata dai tre tenorini de “Il Volo“, Germania, Regno Unito, Spagna e Francia. La seconda semifinale si terrà giovedì 21 maggio, mentre per la finalissima bisognerà attendere sabato 23 maggio.

Tra le novità di quest’edizione del contest musicale, presentate da Conchita Wurst, ci sono le hashflags, ovvero le bandierine di Twitter abbinate agli hashtag delle nazioni che partecipano aalla gara. Digitando infatti #ITA per l’Italia ad esempio, il tweet che verrà pubblicato vedrà comparire “magicamente” una emoticon raffigurante la bandiera corrispondente. Un’altra novità è che le puntate del contest saranno trasmesse in streaming su Youtube.