“E’ una giornata storica, abbiamo impiegato un anno e mezzo, ma il testo sugli ecoreati è legge”.Così il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti sul voto finale in Senato del ddl proposto da M5S, Sel e Pd. “Era un impegno del governo e l’abbiamo mantenuto approvando la legge entro maggio come promesso, nonostante gli scettici”, aggiunge il ministro della Giustizia Andrea Orlando. E’ anche la prima legge firmata congiuntamente dal M5S e dal Pd e un secondo dopo l’approvazione scatta la corsa per intestarsene il merito. “Noi siamo stati il faro, coloro che hanno dato voce ai movimenti ambientalisti, dopo vent’anni abbiamo finalmente una legge contro il disastro ambientale grazie sopratutto al M5S, ai cittadini che sono entrati nelle istituzioni”, dicono i senatori Paola Nugnes e Gianluca Castaldi. Grande la soddisfazione dei due firmatari della legge insieme a Ermete Realacci, Salvatore Micillo deputato M5S e Serena Pellegrino di Sel. “Abbiamo rinunciato ai nostri emendamenti sull’airgun per non affossare la legge, continueremo la battaglia altrove, le opposizioni dimostrano spesso responsabilità, ci aspettiamo lo stesso dalla maggioranza per esempio sul ddl scuola”, afferma la senatrice di Sel Loredana De Petris. Sono andate in onda anche le prove tecniche di un dialogo tra M5s e Pd? “Non c’è nessuna strategia, noi leggiamo i testi, se sono buone leggi le votiamo”, dice Micillo. “Il Pd spesso fa finta di dialogare con noi, speriamo comunque che sia il trampolino di lancio per approvare altri provvedimenti insieme come il reddito di cittadinanza” aggiunge Castaldi. “E’ una norma di civiltà, finalmente i criminali verranno puniti, le aziende sane tutelate” è il commento del presidente di Libera Enrico Fontana. “Bonelli si sbaglia, questa è una buonissima legge, da oggi inizia una nuova era per la tutela ambientale” dice invece Stefano Ciafani di Legambiente   di Irene Buscemi