Tacchi alti? Si grazie. Il dress code di Cannes quest’anno è più rigido che mai e se non lo rispetti non entri alle proiezioni. È successo alla premiere di Carol: un gruppo di donne è stato rimbalzato perché non indossavano i tacchi. Alla prima a cui era presente Cate Blanchett, le signore non hanno potuto assistere, a quanto scrive Screen, e oggi il Festival si trova al centro di una vera e propria bufera.

A dire la sua su questo divieto bizzarro anche l’attrice Emily Blunt che alla conferenza stampa di Sicario di Denis Vileneuve afferma: “Non dovremmo più indossare i tacchi, dovremmo presentarci tutte sul red carpet con scarpe basse”. Anche Benicio Del Toro, Josh Brolin e lo stesso regista Denis Villeneuve ironizzano sull’episodio dichiarato di voler indossare tacchi alti in segno di protesta, mentre Isabella Rossellini si è presentata direttamente in ciabattine di velluto sul Red carpet.

Il Direttore Thierry Fremaux fa sapere via Twitter che la voce del dress code che prevede il tacco alto obbligatorio è infondata, è solo richiesto lo smoking per gli uomini e abito da sera per le donne. Polemica montata ad hoc o triste verità? Certo è che se fosse obbligatorio chi ha pensato a questo dress code così rigido non deve mai aver provato “l’ebbrezza” di stare ore sul tacco 12.