Ieri sera il leader del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, si è improvvisato cameriere, servendo pizze e battute alle centinaia di persone accorse al ristorante “Il veliero” di corso Italia, a Genova. Tanta voglia di scherzare, poca di parlare con i giornalisti. “Il caso dei 5 Stelle a Imperia? Non ce n’è questioni, adesso mangiamo. La situazione si è sistemata”. E via a prendersi l’abbraccio della sua gente, che si aspettava di trovare solo Luigi Di Maio, vice Presidente della Camera, come da programma. “Noi non prendiamo soldi pubblici, quindi utilizziamo queste iniziative in cui i parlamentari e Grillo servono ai tavoli per finanziare la campagna elettorale”. Su un’eventuale alleanza con Civati: “È decotto. Una persona che comanda al massimo il suo voto. Le alleanze con chi ha sfasciato questo Paese noi non le facciamo”. Ma a tenere banco è lo show di Beppe Grillo. Che intrattiene a suo modo i clienti in coda all’entrata. “Chiama Casaleggio, digli che deve servire le pizze. Quattro margherite con l’acciughe al tavolo 9”  di Lorenzo Tosa