Le immagini del Superclásico tra Boca Juniors e River Plate hanno fatto il giro del mondo: squadre in campo per quasi un’ora senza giocare, con la partita sospesa dopo che nell’intervallo i giocatori del River sono stati aggrediti nel sottopassaggio da una presunta bomba contenente dello spray urticante al peperoncino. La partita di ieri notte, ritorno degli ottavi di finale della Coppa Libertadores – all’andata aveva vinto il River 1-0 – metteva di fronte due squadre e due tifoserie la cui rivalità ancestrale è spesso degenerata in violenza. La Bombonera di Buenos Aires era strapiena e infuocata come nelle migliori occasioni, nella curva del Boca si è visto anche un drone volteggiare con una bandiera con una enorme B, per sottolineare la recente retrocessione dei rivali. Bastava questo per sospendere la partita. Ma l’aggressione ai giocatori con lo spray, se c’è stata, è andata ben oltre.

Colpiti dal gas urticante, quattro giocatori del River – Ponzio, Vangioni, Kranevitter e Funes Mori – sono stati immediatamente ricoverati in ospedale con ustioni di primo grado. La condanna del gesto è stata unanime. Il presidente del Boca Daniel Angelici ha detto: “Ci assumiamo la responsabilità di quello che è successo e faremo di tutto per aiutare la polizia nella ricerca dei colpevoli. E’ un problema sociale, non tanto della tifoseria del Boca o del calcio”. I quotidiani locali hanno titolato “vergogna” e “morte del calcio”. E così ha fatto la stampa internazionale nel descrivere l’accaduto. La Comembol, equivalente sudamericana della Uefa che organizza la competizione, riunita oggi per un consiglio direttivo straordinario procederà con la squalifica del campo, una multa salata per il Boca e l’omologazione della vittoria a tavolino per il River.

In tutto questo però, dai gruppi organizzati della tifoseria del Boca, arriva una versione diversa. Secondo loro infatti a utilizzare nel tunnel lo spray urticante al peperoncino è stata la polizia, che lo ha in dotazione. Secondo un tifoso di nome Juampy Reynoso, ripreso dall’account Twitter @La12tuittera, la polizia avrebbe sparato il gas nel sottopassaggio per prevenire l’invasione dei tifosi del Boca, e avrebbe così inavvertitamente ustionato i quattro giocatori del River. Mentre un altro tifoso, Matias Figueroa, su Facebook scrive che ha visto sotto di lui la polizia usare prima gli scudi e poi il gas per rispondere a un lancio di petardi da parte della tifoseria del Boca. La stessa polizia, impegnata ancora adesso a ispezionare lo stadio, ha annunciato che le indagini sono in corso e ha spiegato che lo spray è stato sicuramente spruzzato da dentro il tunnel. Da chi, ancora non si sa.

Twitter @ellepuntopi