De Luca in Campania ha messo in lista di tutto, ci sono certi fascistoni che nemmeno io all’epoca di Alternativa Sociale ce li avevo. Sono più a destra del mio vecchio partito, ma di brutto”. E’ il commento di Alessandra Mussolini, capolista per Forza Italia per il rinnovo del Consiglio regionale della Campania e ospite di “Ho scelto Cusano”, su Radio Cusano Campus. “C’è pure il mio vecchio amico Adriano Tilgher” – continua – “lui è di ‘destrissima’. Poco ci manca che mi candido io col Pd. E’ una cosa incredibile. Il primo da non votare è proprio Vincenzo De Luca, che, se dovesse essere eletto, dovrebbe essere sospeso per effetto della legge Severino. Le regole devono valere per tutti. Quali sono questi impresentabili? De Luca tirasse fuori i nomi, così la gente non vota né lui, né questi”. E aggiunge: “Forse non dice i nomi degli impresentabili, perché i voti gli piacciono. Lui di quello che dice Raffaele Cantone e della legge Severino se ne frega e sta facendo questa campagna elettorale che è una truffa. Chi sarà il governatore della Campania al posto suo, se vince? In nessun’altra regione questo sarebbe permesso”. L’europarlamentare prosegue: “De Luca sta raccattando pezzi di nostri che se ne sono andati, tant’è che Renzi è confuso. Riesce a fare l’Italicum con il parlamento mezzo vuoto e non riesce a togliere De Luca? Lui è un condannato e ha mancato totalmente di rispetto per le leggi: se lo ha fatto nel Comune di Salerno, non voglio pensare alla Regione Campania quello che può succedere con gli amici di De Luca. Sai quanti ne piazza?”. Parole di encomio, invece, per lo scrittore Roberto Saviano, mentre sul suo partito chiosa: “Il centrodestra non può prescindere da Berlusconi. Bisognerà che tutti questi galli, galletti e galline che ci sono in Forza Italia abbassino le pelle per il bene degli elettori. Salvini? E’ un corpo estraneo. E’ nella coalizione, ma gioca una partita solitaria e non di coalizione” di Gisella Ruccia