È morto il cantante e attore napoletano Mario da Vinci, nome d’arte di Alfonso Sorrentino. È stato stroncato il 10 maggio in tarda serata per un malore improvviso all’età di 73 anni.

A dare la notizia è stato il figlio Sal, al secolo Salvatore Sorrentino (nella foto), sul suo profilo Facebook. “Scusatemi se posto questa foto, si è spento mio padre, un pezzo della mia vita che se n’è andato… Ti ho sentito al telefono, come ogni sera, per la buonanotte, e per informarti di tutto, sento l’eco della tua meravigliosa voce che non se ne va… Avrei voluto abbracciarti almeno per l’ultima volta, ma non ci sono riuscito, spero solo che il Signore aiuti me e la mia famiglia a superare questo momento difficile… Ti amo pà… Sei e resterai per tutti noi un grande padre è un grande uomo…”. Questa è la didascalia della foto pubblicata: un’immagine completamente nera in segno di lutto.

Scusatemi se posto questa foto, si é spento mio padre, un pezzo della mia vita che se n’è andato… Ti ho sentito al…

Posted by Sal Da Vinci on Domenica 10 maggio 2015

È stato proprio Mario ad avviare il figlio alla carriera musicale, iniziata quando Sal era soltanto un bambino. Il debutto artistico di Mario da Vinci avviene negli anni ’60: inizialmente con la compagnia Cantaposillipo, diretta da Alberto Sciotti, per poi intraprendere la carriera solista, firmando con diverse etichette discografiche. Partecipa per quattro volte al Festival di Napoli, una delle più importanti manifestazioni musicali partenopee, e vince l’edizione del 1981 con il brano ‘A Mamma. Attivo tra il 1964 e il 1983, ha pubblicato 13 album e più di 60 singoli. Recita anche in teatro e alla fine degli anni ’70 approda al cinema con il film Figlio mio sono innocente!

Non solo è apprezzato in Italia, ma anche all’estero: viaggia dalla Germania all’Australia, ma trova il successo negli Stati Uniti, dove viene scritturato dalla United Artists, una delle più famose compagnie americane, e dove si trasferisce con la famiglia. E proprio negli States è nato il figlio Sal. I funerali si terranno martedì 12 maggio alle ore 11 in piazza Trieste e Trento, nella chiesa degli Artisti a Napoli.