“Ogni volta che ci danno altissimi nei sondaggi, poi spuntano fuori cose strane. E, comunque, se intercettano gli altri parlano di mazzette, con noi mai”.  Così Alessandro Di Battista (M5S), alla marcia per il reddito di cittadinanza del M5S, commenta il caso Grillo-Leaks. Gli fa eco Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera (M5S): “Nelle nostre intercettazioni non si parla mai di tangenti e corruzioni. E poi non vedo niente di male in queste registrazioni”  di Manolo Lanaro