Milano, ore 17 circa, zona via Carducci, nel pieno degli scontri mentre le auto e la città bruciava i black bloc si disfano delle tute nere per confondersi tra la gente comune. Due giovani ragazze si affacciano dal balcone di un palazzo signorile e urlano: “Fermatevi, guardate come avete ridotto la città”. Uno dei manifestanti le insulta pesantemente: “Stai zitta, stronza di merda, scendi in piazza invece che stare su Facebook, fai qualcosa per il tuo avvenire”. E ancora: “Testa di cazzo, speriamo che ti licenzino domani, ti meriti Renzie”. Le ragazze, che all’inizio reagiscono, alla fine rientrano in casa  di Sara Giudice