“Esiste il dissenso, non è una parte marginale della società, anche adesso in Puglia contro chi si oppone allo sradicamento degli ulivi”. Erri De Luca interviene al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, dove ha presentato il suo libro ‘La Parola Contraria’. Poco più di un anno fa lo scrittore ha iniziato la sua battaglia giudiziaria contro Ltf, società che si occupa della costruzione del Tav in Valsusa. De Luca è stato accusato di istigazione e da allora continua ad apparire in pubblico difendendo il proprio “diritto a usare il verbo sabotare”. Tra meno di due settimane a Milano ci sarà l’inaugurazione dell’Expo e in contemporanea si svolgerà una grande marcia dei NoExpo, gli organizzatori attendono 40mila persone, che raccoglierà tutte le anime del dissenso italiano e anche europeo. Da tempo le forze dell’ordine hanno lanciato l’allarme per possibili azioni dei manifestanti atte a sabotare l’inizio di Expo. Secondo fonti ministeriali sono stati mobilitati agenti in numero 10 volte maggiore rispetto al G8 di Genova del 2001. “Anche qui c’è sempre propaganda, un al lupo al lupo, un ordine di scuderia che dipende dal ministero dall’Interno” di Max Brod e Cosimo Caridi