Prove del Rally dell’Elba, poco dopo la partenza. Un sasso, o più probabilmente una foratura, ha fatto uscire di strada la Renault Clio numero 44 di Alberto Spinetti e Lara Giusti che si è ribaltata in curva ed è finita sugli spettatori che seguivano la corsa da bordo strada. L’equipaggio è illeso ma due spettatori di Portoferraio sono rimasti feriti. Riccardo Paoletti, 48 anni, di Portoferraio, è stato colpito in pieno dall’auto, mentre un altro spettatore, anch’egli residente sull’isola, Armando Valenti, di 59 anni, ha riportato lesioni più lievi. Paoletti, con un trauma cranico ed emorragie interne, è stato subito trasferito con un elicottero all’ospedale di Pisa dove è giunto in coma e dove è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico alla milza. L’altro ferito invece è ricorso alle cure del nosocomio di Portoferraio.

Sul posto sono giunti immediatamente tutti i mezzi di soccorso, la polizia e i carabinieri. La corsa, sospesa, è poi ripresa. Secondo quanto riferito dagli organizzatori della gara automobilistica “Rally Internazionale Elba” (Aci), le due persone rimaste ferite “spostandosi lungo la strada, si sono trovate in una zona vietata al pubblico, debitamente segnalata secondo la normativa vigente”. Ma sarà cura delle forze dell’ordine che si occupano dell’incidente fare tutti gli accertamenti necessari. Trattandosi di una gara sportiva autorizzata, si dovrà tenere di conto che sono previste una serie di deroghe rispetto alle normali regole della viabilità su quel tratto di strada.

Il rally dell’Isola Elba è considerato una delle gare storiche nel panorama nazionale con una competizione più lunga, di valore internazionale, su un circuito di oltre 369 chilometri ed una più breve di carattere nazionale lunga 235 chilometri. Si è disputata per anni fin dal 1968 e ininterrottamente dal 2007. Piccoli incidenti, vista anche la velocità, si sono finora verificati di frequente, per errori o rotture meccaniche, l’ultimo in ordine di tempo, ieri, ma in quei casi senza alcuna conseguenza per le perone.