“Grottesche le accuse di fascismo ad Alba Dorata, sono i figli dei figli di chi ha liberato l’Europa“. Così Mario Borghezio, eurodeputato della Lega Nord, a margine di un incontro sui diritti umani organizzati dal partito di estrema destra greco al Parlamento europeo. In vita della sentenza attesa per il 20 aprile sui sette deputati di Alba Dorata ancora in carcere per accuse che vanno dall’associazione criminale alla detenzione illegale di armi da fuoco, Borghezio li difende e chiama in causa la Corte di Strasburgo per quella che considera “una palese violazione diritti dei civili” e “una vera persecuzione”. E in merito alle accuse loro rivolte, Borghezio risponde attaccando Papalia: “In Italia mi ha accusato di reati molto gravi, quando uno Stato regime vuole perseguitare qualcuno le accuse si trovano sempre”. Di “persecuzione politica” parla anche Georgios Epitideios, eurodeputato di Alba Dorata, che non esclude un’alleanza con la Lega Nord e CasaPound in Europa: “Abbiamo gli stessi valori, presto forse un gruppo politico comune”  di Alessio Pisanò