Nemmeno la sua età l’ha salvata dallo stupro. Una bambina di 9 anni della minoranza yazida è stata violentata da 10 jihadisti dell’Isis. A darne notizia è il sito dell’Independent secondo cui la piccola è ora incinta. Dopo essere stata tenuta prigioniera dai miliziani dello Stato islamico, la bambina è stata portata via dall’Iraq grazie all’intervento di una ong curda ed è ora in cura in Germania.

Secondo la testimonianza di Yousif Daoud, un operatore umanitario ritornato dalla regione, la piccola sarebbe rimasta “mentalmente e fisicamente traumatizzata” dopo gli abusi subiti. “La ragazza poi è così giovane che può morire se mette alla luce un bambino – ha aggiunto Daoud – anche un taglio cesareo è pericoloso”.