Nuove ombre si allungano sulla Pedemontana lombarda. Dopo la notizia del rischio di uno stop ai lavori per carenza di fondi, oggi è l’Autorità nazionale anticorruzione di Raffaele Cantone a puntare i riflettori sulla nuova infrastruttura: “Abbiamo fatto una serie di rilievi collegati a una serie di irregolarità che abbiamo verificato, soprattutto questo aumento significativo dei costi, trattandosi di un contratto con un contraente generale”. Così il presidente dell’Anac Cantone, ha risposto sui timori di blocco della nuova autostrada Pedemontana lombarda. “Abbiamo mandato i rilievi alla società Pedemontana – ha aggiunto dopo una riunione all’Expo -. Ma come Anac non possiamo certamente bloccare i lavori, non dipende da noi”  di Francesca Martelli