Più che una conferenza stampa, la presentazione del serale di Amici somiglia a un pellegrinaggio. Mariano, ovviamente, visto che l’oggetto della venerazione di nome fa Maria e di cognome De Filippi. E lei sta lì, seduta sulla candida poltrona, attorniata da direttori artistici, giudici, coreografi, comici e direttori di rete, con l’aria tranquilla (e un po’ sorniona) di chi sa di aver compiuto un altro capolavoro televisivo. Sì, perché il serale della quattordicesima edizione di Amici segna una tappa importante nella conquista del mondo che evidentemente la De Filippi ha intenzione di portare a termine. Il colpo più sensazionale è l’arrivo di Elisa come direttore artistico di una delle due squadre (l’altra è affidata alla già collaudatissima Emma Marrone). Onestamente, e pensandoci a lungo, nessun altro personaggio della musica leggera italiana è sempre sembrato, all’apparenza, così distante dal mondo rappresentato da Maria De Filippi e dai suoi programmi. Invece adesso è lì, alla sinistra di una soddisfattissima Nostra Signora della Tv, a commentare con entusiasmo la decisione di sprofondare negli inferi della tv nazionalpopolare. La cantante friulana ha solo parole al miele per Amici: “E’ un onore essere qui. Volevo confrontarmi con un mondo che non conoscevo ma che ormai è una realtà. È un tuffo nella società di adesso, uno scambio reciproco culturale, umano, musicale e artistico”. Elisa non guarda la tv, lo ammette candidamente proprio nella tana del lupo, ma è impressionata dallo sforzo produttivo della squadra di Maria: “Non ho mai visto prima una cosa del genere”.

L’altro colpo clamoroso è la presenza di Renato Zero in giuria, anche se in conferenza stampa il re dei sorcini non c’era, e la De Filippi tiene a precisare che ci sarà solo durante la prima puntata. Poi si vedrà. A prendere il suo posto, dalla seconda settimana in poi, una Loredana Bertè apparsa in splendida forma, felice come una bimba in gita, che promette di essere una serial killer spietata. Entra nel grande studio di Amici dopo che Maria ha fatto ascoltare ai giornalisti il suo nuovo brano (“Il mio funerale”, un pezzo cinico e divertente, con la solita vena malinconica della Bertè), ed è subito un fiume in piena. Dice di guardare il programma da sempre, e da quanto ne parla c’è da crederci. È preparatissima e si vede che non vedeva l’ora di essere lì.  Accanto a lei, in giuria, ci saranno la confermatissima Sabrina Ferilli e il nuovo arrivato Francesco Renga, un altro che in passato non aveva avuto parole dolcissime per i talent show e che adesso è in pellegrinaggio anche lui, a rendere omaggio alla Papessa. L’ultimo colpo è la presenza fissa di Virginia Raffaele, talento vero, che dopo l’esperienza disastrosa di Giass si era defilata un po’ troppo.

Il quadro è completo, dunque. La regina della tv ultranazionalpopolare, che in pratica non si ferma mai (Uomini e Donne, Tu sì que vales, C’è posta per te e adesso Amici), si gode il trionfo su chi l’ha snobbata per anni e ne approfitta anche per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. A modo suo, senza frasi infuocate. Quando il direttore di Canale5 Scheri accenna ai social, per esempio, interviene a gamba tesa e dedica una frecciatina ai concorrenti satellitari: “Adesso che diamo più spazio ai social e a internet siamo diventati cool come Sky”. E poi torna sulla diffidenza che per anni, quando i talent non andavano ancora di moda, l’hanno accompagnata: “Ho fatto molta fatica a far capire alla gente che qui non ci sono dei cretini. Il merito è anche della Rai, che ha ospitato i cantati usciti da Amici e che hanno vinto più volte Sanremo”. Un ringraziamento che è forse anche una presa per i fondelli a viale Mazzini e soprattutto la voglia di ribadire che il trionfo è totale. Della serie “vi ho asfaltati persino in casa vostra”.

Sul finire della conferenza stampa, prima di dedicarsi al buffet e alle interviste vis à vis, Maria lancia l’ultima granata: “Sì, la probabilità che Roberto Saviano sia ospite di Amici è molto alta. Forse persino dalla prima puntata”. Altra contaminazione impensabile solo qualche tempo fa, altro successo della De Filippi. Non si sa bene cosa farà Roberto Saviano, ma forse questo conta poco. Ci sarà, e Maria ci teneva a sbattercelo in faccia.  Avremo tempo, nelle prossime settimane, di analizzare anche con occhio molto critico i contenuti del serale di Amici. Oggi, però, c’era solo da prendere atto del trionfo totale e totalizzante di Bloody Mary. Una che ci sa fare assai e che non fa prigionieri. Senza clamore, senza strepiti, senza polemiche pubbliche. È seduta sulla riva del fiume da tempo e ormai ha perso il conto dei cadaveri che ha visto passare.