Almeno dieci persone sono state travolte da una valanga – nel pomeriggio di mercoledì 1. aprile – a Villar-d’Arêne, nelle Hautes-Alpes francesi. Tre di loro sarebbero decedute, un cittadino italiano e due austriaci. L’emittente locale France3 Alpes ha parlato di un’ulteriore alpinista in arresto cardio-respiratorio elitrasportato presso l’ospedale universitario CHU di Grenoble. Sul posto è stato immediatamento inviato personale specializzato e cani addestrati per l’assistenza in caso di valanga. La slavina è stata originata a un’altitudine di 3483 metri, sul comune di Pelvoux.

Nel frattempo risultato dispersi in alta Valle Formazza due sci alpinisti svizzeri di Zurigo, di 43 e 41 anni. Erano partiti dal rifugio Claudio e Bruno, a 2710 metri sopra il lago di Morasco, e pare che non siano mai arrivati alla meta.