“Le cooperative sono il ventre molle, la cerniera di un sistema corrotto e mafioso a livello nazionale, abbiamo chiesto un’azione investigativa in questo senso, per noi c’è uno schema che si ripete: un sindaco, la criminalità organizzata e una cooperativa coinvolta”. Così Luigi Di Maio, deputato M5S e vicepresidente della Camera, dopo l’incontro in direzione nazionale Antimafia tra il procuratore Franco Roberti e una delegazione dei 5 stelle. “In ogni indagine (Ischia, Mafia Capitale ed Expo) – aggiuge Di Maio – si leggono sempre gli stessi nomi e ci sono sempre le stesse cooperative coinvolte. Questo è un sistema criminale su cui si devono puntare i riflettori”. “Il Pd – aggiunge Roberto Fico (M5S) sulla querelle di questi giorni tra il senatore Pd Stefano Esposito ed Alessandro Di Battista – ormai è un centro d’affari e hanno sindaci indagati ovunque, ma il Pd attacca noi”. Per M5S il ddl anticorruzione che domani si voterà al Senato non è un’adeguata soluzione al sistema corrotto, ma un compromesso al ribasso  di Irene Buscemi