Berlusconi fece un’operazione di divisione dei sindacati. Questo governo è per la cancellazione dei sindacati. Complicato dire cosa è peggio. Certo non è né partecipativo né democratico“. Sono le parole del segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, in un faccia a faccia con Corrado Formigli a Piazzapulita (La7). “Chissà se ci sarebbe stato un governo Renzi” – puntualizza – “se non ci fossero stati venti anni di Berlusconi“. La Camusso critica aspramente l’operato del governo Renzi, dall’Italicum alla riforma della Pubblica Amministrazione fino al ddl anticorruzione: “Non sta facendo abbastanza sul piano della legalità. L’anticorruzione doveva essere la vera cosa su cui ponevi la fiducia”. Poi commenta le dichiarazioni dell’ex segretario della Cgil Cofferati sul bacio con il segretario Fiom Maurizio Landini (“un brutto bacio”, ha detto il ‘Cinese’): “Lezioni di affettività da Cofferati non ne prendo e trovo che sia davvero un po’ scadente che il tema sia disquisire su una foto o su un arrivo non insieme. Ma poi dobbiamo discutere di chi un giorno ci ha detto ‘ciao ciao vado a fare il sindaco di Bologna’?“. E rivolge un monito a Landini: “Non va mai bene che un sindacato dia messaggi che vengano interpretati ambiguamente. Questo non fa bene al sindacato. Essere sottoposto tutti i giorni a questa interlocuzione, dando il dubbio ai lavoratori e alle lavoratrici che ci stiamo preparando dei destini personali. Quindi, sgombera il terreno dalle ambiguità