Per il Soccorso Alpino Piemontese le vittime della slavina in valle di Susa sono due, e non tre, come invece comunicato in un primo momento. “È di due morti e un ferito, non in pericolo di vita, ricoverato all’ospedale di Susa, – si legge nella nota del Soccorso Alpino Piemontese – il bilancio di una valanga che si è staccata dal Monte Terra Nera”. Le vittime sono un italiano ed un francese, i loro corpi sono stati trasportati a Cesana.  Sul posto sono intervenuti il Soccorso Alpino piemontese, la Guardia di finanza e i carabinieri.

Una slavina si è abbattuta sulle montagne di Cesana Torinese, in Valle di Susa, su un gruppo di sciatori fuori pista. Il gruppo stava facendo Eliski, un’attività sportiva che consiste nel farsi portare sulle montagne da un elicottero per fare sci fuori pista. Sul posto anche le squadre della Guardia di finanza, che hanno trovato anche una quarta persona, che è stata estratta in buone condizioni e che è stata portata all’ospedale di Susa. Tutti gli sciatori erano dotati delle attrezzature di sicurezza per lo sci-alpinismo. La massa di neve si è staccata dal Monte Terra Nera in una giornata soleggiata e molto ventosa.

Poco più di un mese fa, nello stesso Comune di Cesena Torinese ma in località Sagna Longa, un’altra valanga era piombata travolgendo quattro sciatori provocando la morte di un uomo privo di Artva, il segnalatore elettronico per i travolti da slavina. Con lui c’erano anche due bambini e un adulto che si sono salvati.