Fuori programma concitato durante il talk show di approfondimento, “Quinta Colonna” (Rete4). Durante un collegamento a Limbiate, della provincia di Monza e della Brianza, l’inviata Nausica Della Valle dà la parola ad alcuni abitanti del comune, divisi in due fazioni: l’una a favore dell’uso di una palazzina dell’Avis per ospitare 50 rifugiati, l’altra assolutamente contraria. Come è ‘topos’ della trasmissione, scoppia la bagarre tra i due gruppi, trambusto successivamente amplificato dall’intervento di un ambulante di Canegrate, che accusa i suoi colleghi abusivi di danneggiarlo e si rivolge con voce tonante al conduttore Del Debbio: “Signor Paolo, lei già mi conosce. Ci siamo visti a Milano, si ricorda che c’era anche Iva Zanicchi? Vi siete dimenticati di me. Io sono perseguitato peggio di Berlusconi, ma non ho i suoi soldi! Non mi fanno lavorare!”. “Ma io ho mangiato un panino da lei?”, chiede Del Debbio. Ma l’ambulante è un fiume in piena: “Ho 55 anni, la casa è mia e non me la portate via. Gli extracomunitari teneteveli voi!”. E poi l’endorsement per il leader della Lega Nord, ospite della trasmissione: “Renzi… no, lui come si chiama? Quello della Lega come si chiama?“. “Salvini”, suggerisce l’inviata. “Salvini! Vengo a votarti!“, tuona reiteratamente l’uomo, che si dimena e continua a scagliare accuse varie. “Aoh, e basta“, sbotta la Della Valle. Salomonico il commento finale del conduttore: “Come potete vedere, io non ho degli inviati. Ho dei combattenti, degli Oriazi e Curiazi” di Gisella Ruccia