“Stanno svendendo gli ultimi pezzi di Made in Italy rimasti. Fra dieci anni ai nostri figli rimane solo la pizza”. Così Matteo Salvini, leader della Lega Nord, commenta l’entrata del colosso cinese ChemChina nel gruppo Pirelli, a margine della sua visita al mercato di Prato. E sulla possibilità che il Milan possa essere comprato dai cinesi, afferma: “Visto come è ridotta la squadra, sono disponibile a farmi comprare dai neozelandesi, dai finlandesi, dai turcomanni o da chiunque”. Inoltre, sul recente annuncio del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che non si candiderà di nuovo alla carica di primo cittadino, dice: “Dovrebbe dimettersi, Milano non ha bisogno di un sindaco a mezzo servizio”. Un altro che dovrebbe dimettersi, per Salvini, è il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi: “La signora Boschi aveva il papà vicepresidente di una banca oggetto di un decreto del governo, che anche grazie a quel decreto ha guadagnato in borsa il 66%. Il ministro avrebbe dovuto dimettersi”. In merito al risultato del partito di Marine Le Pen, il Front National, alle elezioni amministrative francesi, afferma: “Un risultato eccezionale”. Infine, Sui rapporti con Silvio Berlusconi, chiosa: “Ci sarà un incontro in settimana”  di Max Brod