Sono arrivati a Genova intorno alle 12, all’aeroporto Cristoforo Colombo, con un volo charter proveniente da Palma di Maiorca i 132 croceristi della Costa Fascinosa che si trovavano in vacanza a Tunisi. Abbracci, qualche lacrima, occhiali scuri per nascondere lo stress e qualche imprecazione, come “una vacanza di merda” e poca voglia di parlare fra loro.  “Ero fuori dal Museo, avevo gli spari alle spalle, è stato terribile, sentivo gli spari e che dentro stava avvenendo una tragedia“. E’ la testimonianza di una ragazza scampata all’attacco terroristico al Museo del Bardo. “Ci hanno tenuto in disparte, hanno cercato di proteggerci poi – ha continuato – ci hanno fatto allontanare. In quei momenti ho pensato solo ai miei genitori ed avevo solo il desiderio di tornare a casa”. “Ci sono immagini che non si cancelleranno per tutta la vita, perché sono state terribili”, ha aggiunto un altro scampato. A Fiumicino, intanto, è atterrato un altro charter – proveniente da Palma di Maiorca, con 71 crocieristi e 18 di loro proseguiranno per Palermo