/ /

Chrysler-Lancia abbandona il Regno Unito. Per FCA meglio puntare su Jeep

di | 19 marzo 2015
Chrysler-Lancia abbandona il Regno Unito. Per FCA meglio puntare su Jeep
Foto del giorno

Il gruppo FCA sta interrompendo le vendite dei modelli Chrysler nel Regno Unito, dove vende la berlina 300, la monovolume Voyager e, come in Irlanda, le Lancia Delta e Ypsilon con il marchio americano sul cofano (nella foto, il sito commerciale inglese). I volumi erano così bassi – nemmeno 2.000 vetture nel 2014, -21% sul 2013 – che FCA preferisce rinunciare. “Abbiamo deciso di spostare la nostra attenzione dalla Chrysler ad altri marchi FCA”, ha detto un portavoce della Casa ad Automotive News Europe. In particolare, il gruppo punterà su Jeep, di cui prevede di vendere 10.000 unità nel 2015, di cui 7.000 esemplari di Renegade, la piccola Suv prodotta in Italia. Partendo dalle 4.000 unità scarse del 2014, sarà un salto enorme, che compenserà ampiamente la cessazione del marchio Chrysler. Fino al 2017, comunque, FCA continuerà comunque a soddisfare le richieste dei clienti inglesi che vogliano una Ypsilon con guida a destra.

Top Gear, 1 milione di firme per Jeremy Clarkson. Stig le porta col carro armato

»
Articolo Successivo

Top Gear sospeso, BBC perde 4 milioni di spettatori. Jeremy Clarkson ‘grato’ ai fan

«
Articolo Precedente

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×