“Bisogna guardare quello che sta succedendo ma il governo dà segnali chiari, l’Autorità anti-corruzione presieduta da Cantone, il falso in bilancio, tutti i provvedimenti anti-corruzione di questi giorni vanno in questa direzione”. Così il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, commenta l’inchiesta fiorentina sul Tav, a margine del convegno a Roma su occupazione e lavoro nella sede Confesercenti a Roma. “Lupi si dovrebbe dimettere? E’ una scelta sua personale, ognuno sa la situazione in cui si trova, se è tranquillo agisce di conseguenza” aggiunge Poletti. “Da un governo così ‘decisionista’ mi aspetterei più celerità – risponde invece il segretario della Cgil Susanna Camusso – bisognerebbe ricostruire un orientamento univoco di fronte alle inchieste, perché mi sembra che a secondo di chi è coinvolto si hanno atteggiamenti diversi”  di Irene Buscemi