/ /

Uber per le donne, un milione di posti da driver entro il 2020

di | 10 marzo 2015
Uber per le donne, un milione di posti da driver entro il 2020
Foto del giorno

Di “un milione di posti di lavoro” abbiamo già sentito parlare. Ma questa volta a prometterli – su scala globale – è Uber, l'applicazione per smartphone che mette in contatto clienti e “driver” (solitamente i noleggi con conducente), trattenendo una commissione sulle transazioni. Oggi, in una conference call dalla California, Uber ha annunciato ai giornalisti di tutto il mondo la collaborazione con l'associazione UN Women con l'obiettivo di “accelerare le opportunità economiche per le donne”. La parte principale dell'accordo consiste nell'impegno di creare un milione di posti di lavoro per le donne come autiste Uber entro il 2020. Hanno portato la loro testimonianza Ester, che lavora a Nairobi, e Nathalie, da Londra: entrambe hanno detto di essere diventate imprenditrici di loro stesse grazie alla piattaforma californiana, che permette loro di essere economicamente indipendenti e di conciliare impegni lavorativi e vita privata. Uber sta cercando di spingere, anche grazie a queste iniziative facilmente apprezzabili dall'opinione pubblica, la liberalizzazione dei servizi di taxi. L'Italia è uno dei paesi dove l'opposizione è più forte, come dimostrano le recenti aggressioni all'ad italiano di Uber, Benedetta Arese Lucini e lo stralcio, dal Ddl Concorrenza, dell'articolo che intendeva riformare il mercato del servizio trasporto passeggeri.

500 Vintage ’57: la più rétro delle 500 in vendita a partire da 16.500 euro

»
Articolo Successivo

Mazda MX-5, inizia la produzione della spiderina. In attesa della cugina Fiat 124

«
Articolo Precedente

Gentile lettore, puoi manifestare liberamente la tua opinione ma ricorda che la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, che i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e che ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×