Renzi è riuscito a scalare il Pd grazie ad un sistema che ha delle regole. Nel M5S questo non sarebbe stato possibile, queste regole non ci sono“. Così Massimo Artini, deputato fuoriuscito dal Movimento 5 Stelle, torna sui problemi di democrazia interna. E aggiunge: “Il fatto che dopo due anni uno chieda le certificazioni delle votazioni online, e queste non vengono certificate, ti fa essere meno credibile come il Pd che manda i cinesi a votare alle primarie”. Sul Direttorio, Artini, protagonista dell’assemblea costituente dei fuoriusciti dal M5S a Firenze, sostiene che sia stato imposto dai leader: “Non ci prendiamo in giro sul fatto che sia stato ratificato dalla rete, perché mi dici ‘a Beppe piacciono queste persone o sei con Beppe o sei espulso’”. Poi la stilettata finale: “Nel M5S si è passati dal dubbio, alla fede”  di Max Brod