Il presidente della Commissione parlamentare antimafia in visita a Bologna, parla a tutto campo del suo partito e delle riforme del governo di Matteo Renzi. Sulla responsabilità civile per i magistrati,  commenta: “Sono tra coloro che su questa materia ha sempre nutrito molti dubbi e perplessità. La legge è stata approvata. Proviamo ad applicarla e, se ci fossero problemi, dovremo essere pronti a fare le modifiche”. Sulla polemica di Pierluigi Bersani, che ha rimandato indietro l’invito di Renzi per partecipare alla riunione dei gruppi parlamentari con lo stesso premier, Bindi sta dalla parte dell’ex segretario Pd e di coloro che lo hanno seguito: “Condivido la scelta dei parlamentari che hanno deciso di non andare alla riunione. In un’ora non si condivide la riforma della Rai, della scuola e del fisco”. Infine la presidente della Commissione antimafia commenta anche le parole del segretario Fiom Maurizio Landini, che aveva parlato di tenuta democratica a rischio con il governo Renzi: “Quanto meno stanno cambiando alcuni connotati della nostra vita democratica. Non è detto che stiano cambiando in peggio, ma bisogna essere avvertiti”  di David Marceddu