In Francia sono venduti più che i libri da cucina. Ora la loro popolarità sta contagiando anche il Regno Unito. Sono i libri da colorare per adulti, l’ultimo trend per aiutare a combattere lo stress. Mettete in standby la classi di yoga e, comodamente seduti sulle poltrone di casa vostra, prendete in mano un pastello e dedicatevi un momento di calma. Questa la ricetta che sempre più donne (sono loro le principali destinatarie dei manuali) francesi e inglesi stanno seguendo per tornare a ripristinare un senso di calma a fine giornata.

E mentre in Francia i libri da colorare per adulti stanno superando i manuali con ricette e chef ai fornelli, nel Regno Unito un volume in particolare – “Secret garden” (Il giardino segreto) di Johanna Basford – ha venduto più di 350.000 copie. Una moda che sta lentamente conquistando le donne d’oltremanica, tra copie sold-out e gruppi Facebook dedicati al passatempo. Sfogliando questi volumi, si va dai semplici paesaggi e disegni astratti fino a complicati mandala orientali o a divertenti storie a fumetti. L’idea è che concentrarsi sull’attività di colorare aiuta a meditare liberando la proprio giornata dallo stress accumulato a casa o in ufficio. Sui forum, si dice anche che questo hobby aiuti a curare i mal di testa causati da giornate particolarmente stressanti.

Una moda che sui giornali inglesi diventa polemica per quanti si chiedono quante mamme al giorno d’oggi abbiano tempo per dedicare qualche ora a impugnare un pastello per rilassarsi. E per far sì che questa attività non risultati ancora più stressante, “procuratevi alcune belle matite colorare e aspettate di avere un po’ di tempo da soli per provarle: non è mai una buona idea combattere con un bambino di tre anni per usare un pastello”, ironizza la giornalista del The Independent Henrietta Roussoulis. Vero è che 350.000 francesi non possono essersi tutti sbagliati. Secondo diversi studi psicologici, infatti, concentrarsi su azioni semplici e ripetitive aiuta a svolgere una sorta di “meditazione attiva”, rimpiazzando pensieri negativi e creando uno stato di pace. Una pratica che secondo un recente studio dell’Università Statale di San Francisco aiuterebbe anche ad avere migliori risultati e concentrazione sul posto di lavoro.

E se le farfalle non fanno per voi, troverete in vendita ogni tipo di libri da colorare, dall’eccentrico “Colour me good” di Mel Elliott (che invita il lettore a disegnare un nido d’amore per il protagonista e a progettare i suoi abiti) a volumi in cui si può dare il proprio tocco d’arte a capolavori di Renoir e Van Gogh. Impossibile non citare anche “Colour Yourself Calm”, una raccolta di trenta mandala che non solo dovrebbero rilassare ma anche aiutare a sviluppare il proprio lato creativo. “Colorare è un ottimo modo per capire il concetto di pienezza mentale” ha detto Tiddy Rowan, autore di “Colour Yourself Calm” all’Huffington Post UK Lifestyle. Se si guarda un bambino mentre colora un disegno, infatti, si può capire quando questo tipo di attività sia totalizzante. Secondo Rowan colorare aiuta gli adulti a concentrarsi sul momento presente. “Quando stai colorando non stai realmente pensando ad altro se non a quello che stai facendo – continua l’autore – Sei solo te stesso, seduto con un pezzo di carta e alcuni pastelli, senza tecnologia né rumori. Come se tornassi bambino, riuscendo a conquistare qualche attimo di evasione dalla vita di tutti i giorni”.