Un dipinto di inestimabile valore, attribuibile a Leonardo da Vinci, è stato sequestrato in Svizzera dalla Guardia di Finanza di Pesaro e dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Ancona. Il quadro, raffigurante il ritratto di Isabella d’Este di dimensioni cm 61×46,5, era stato illecitamente trasferito in un caveau di un istituto fiduciario svizzero con sede a Lugano. Del dipinto si erano perse le tracce “per secoli” e si sa che sarebbe stato commercializzato per centinaia di milioni di euro. Il dipinto olio su tela sarebbe attribuibile al maestro Leonardo da Vinci sulla base di pareri e di perizie effettuate con la fluorescenza che lo ritengono pienamente compatibile, quanto a datazione, con la pittura dei primi decenni del XVI secolo