Più di 200 milioni di utenti registrati, il 57% dei quali accede ogni giorno per caricare foto (55 milioni al giorno) e interagire con altri utenti (1.2 miliardi di ‘like’ al giorno, e più di 1000 commenti al secondo): ecco i numeri di Instagram, il popolare social network entrato a far parte della “famiglia Zuckerberg”. Eppure, nonostante questa grande varietà numerica, molte homepage hanno pressoché le stesse caratteristiche: selfie, decine di migliaia, in ogni possibile posa. E poi piatti, cucinati per essere immortalati prima ancora che mangiati, gatti costretti in pose artefatte, still life color pastello. Certo, ci sono anche fotografi davvero bravi- amatoriali o professionisti – che usano Instagram per mettere alla prova creatività e talento e postano immagimni che spesso non hanno bisogno nemmeno di una didascalia. Perché “il punto fondamentale è scattare la foto in modo che poi non ci sia bisogno di spiegarla con le parole”.

(Foto in evidenza di Simone Bramante @brahamino)

Ecco i profili di febbraio

ADAM SENATORI (@adamsenatori): pilota e fotografo, i suoi scatti dall’alto sono una vertigine alla scrivania

JEFFERSON (@jeffonline):  Sentori di Cartier-Bresson nella Parigi di Jefferson

  thє mσσd today • #tbt   Una foto pubblicata da jefferson (@jeffonline) in data:

Simone Bramante (@brahamino): il movimento in fotografia

DAVE YODER (@daveyoder): Fotografo per il National Geographic Magazine

THERON HUMPREY (@thiswildidea): avvenutura fotografata

Summers end

Una foto pubblicata da Theron Humphrey (@thiswildidea) in data: