Scontro acceso tra Vittorio Sgarbi e Gianni Barbacetto, durante “L’aria che tira” (La7). La miccia della polemica è una frase dell’ex ministro democristiano Paolo Cirino Pomicino, che osserva: “Sgarbi non è stato deputato della Prima Repubblica, non era entrato ancora in politica”. Interviene il giornalista de Il Fatto Quotidiano per precisare: “Sgarbi era in Parlamento nella Prima Repubblica: è stato deputato del Partito Liberale nel ‘92”. Sgarbi conferma, Paolo Cirino Pomicino afferma che nel ‘92 era già morta la Prima Repubblica. E l’ex sindaco di Salemi ribatte: “C’erano persone di grande valore rispetto a uomini come Di Pietro che hanno soltanto distrutto e sono entrati per portar via quel che potevano portar via. Tu c’eri e dicevi solo stronzate, come hai sempre detto. E’ proprio la tua mentalità. C’eri tu e c’era anche Mattarella”. “Ma è a gettone Sgarbi?” – replica Barbacetto – “Le parole ‘capre’ e ‘stronzate’ fanno alzare il livello del suo compenso?