Chef dalla carriera consolidata accanto a giovani promesse del settore, semplici appassionati di cucina e amanti della buona tavola. Se appartenete a una di queste categorie potete iscrivervi a Badeggs, l’ultimo arrivato in fatto di social network dedicati al buon cibo. Qualità e scoperta sono le parole d’ordine alla base di un progetto che aggrega professionisti e dilettanti entusiasti su una piattaforma nella quale scambiarsi pareri, ricette, impressioni sulle esperienze culinarie, indicazioni su ristoranti e menu.

Un social network che aggrega in maniera orizzontale, tutti allo stesso livello su una piazza virtuale di reciproco scambio, gli utenti iscritti. Per farlo, bisogna inserire il proprio nominativo all’interno di una delle categorie: “foodie”, “insider” o “chef”. Su Badeggs, in qualità di appassionati di food, è possibile caricare una propria ricetta già sperimentata, iscriversi a eventi, seguire le lezioni virtuali di una delle cooking class, partecipare ai corsi di formazione tenuti dal vivo dagli chef membri del portale. I giovani chef possono invece controllare la propria reputazione all’interno della community, trovare nuove opportunità di lavoro, ampliare la propria rete di contatti. Uno chef di maggiore esperienza può a sua volta promuovere la propria filosofia e il proprio stile in cucina coinvolgendo gli altri iscritti, potenzialmente, da ogni parte del globo.

In un periodo nel quale l’attenzione per il food sembra non accennare a diminuire, quello che mancava – a detta di uno dei fondatori del portale, Lorenzo Salmi – è “un social network che avvicini sempre di più gli appassionati comuni di cucina alla qualità e al lavoro professionale di chi crea ciò che di più li appassiona, gli chef. Badeggs arriva a colmare questo vuoto e intende mettere in contatto diretto, virtuale e non, queste due realtà inseparabili del mondo enogastronomico”.

Non c’è qui, volutamente, una precisa distinzione tra esperienza online e offline (gli incontri sul sito sono lo spunto per partecipare a degustazioni, fiere, conferenze, workshop), così come non compare nella piattaforma una separazione netta fra il database con dati e ricette e la parte di viva interazione fra gli utenti: un intento voluto dagli ideatori del portale, che non è passato inosservato al Websummit 2014, il più importante convegno mondiale di tecnologia web (al quale intervengono più di 10.000 addetti ai lavori provenienti da oltre 80 paesi) che si tiene dal 2010 a Dublino e che ha scelto la community dedicata al cibo di qualità tra le realtà selezionate nell’ultima edizione.

www.puntarellarossa.it