“Sui voti segreti per il Colle ognuno si sbizzarrisce, è il divertimento di tutti, ognuno dice la sua. Io ho votato secondo le indicazioni del partito, punto”. A quarantotto ore dalla debacle di Forza Italia sull’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, Denis Verdini nega di aver votato per Mattarella. Ma nel Patto del Nazareno c’era il Quirinale? “Il Patto del Nazareno è un patto politico, non è un contratto notarile, quindi non è che ci sia la formula uno, due o tre, dovete domandare ai contraenti – afferma fuori dalla sede di Fi a Roma -, io a volte sono stato definito notaio, niente di più”. E sul cammino delle riforme il senatore azzurro è incerto: “Questo Paese le aspetta da cinquant’anni, s’è avviato un ragionamento, vediamo se è tutto è saltato per aria oppure no, queste cose – continua – si vedono sempre dopo, dipende: di solito le si dovrebbe fare insieme maggioranza ed opposizione”. “Che succede ora in Forza Italia? Forza Italia è Berlusconi, quindi va chiesto a lui cosa vuol fare”. Ma molti ce l’hanno con lei? Come la tesoriera del partito, la senatrice Maria Rosaria Rossi, imputandole di aver sbagliato tutto nella trattativa sul Colle? “Io tendo a non essere simpatico – replica Verdini -, tendo a lavorare e chi non lavora, di solito non sbaglia. A Fitto e ai dissidenti di Forza Italia non ho nulla da dire”. Si fida ancora di Renzi? “Io non mi fido neanche di quelli di casa mia, quindi si figuri se mi fido degli altri, a volte non mi fido neanche di me”  di Manolo Lanaro