A proposito di amnesie selettive, si parla persino di Fassino: 66 anni, deputato per 5 legislature, dirigente del Pci-Pds-Ds, fu sottosegretario agli Esteri nel governo Prodi-1, ministro del Commercio estero nel governo D’Alema e della Giustizia nel governo Amato-2, quando abolisce di fatto i pentiti di mafia e propone la depenalizzazione di tutti i reati finanziari. Roba che non era venuta in mente nemmeno a B.

Nel 2001 è candidato a vicepremier di Rutelli, tanto vince B. Lui, per premio, diventa segretario Ds. Fino al 2007, quando nasce il Pd. Non è mai stato indagato, ma il suo nome è comparso spesso in atti giudiziari, anche piuttosto imbarazzanti. La prima volta nel ‘93: il presidente di Euromercato Carlo Orlandini racconta ai pm di Torino di aver incontrato nel 1989 Fassino, allora segretario provinciale del Pds, per parlare del progetto dell’ipermercato Le Gru di Grugliasco (poi finito in uno scandalo di mazzette rosse); e, subito dopo l’interrogatorio, inviò un fax a Fassino per rivelargli quel che aveva dichiarato ai magistrati. Che bisogno aveva di spedire quel fax, violando il segreto investigativo? E che c’entrava Fassino con un centro commerciale? Mistero.

Nel 2005 l’ex governatore di Bankitalia Antonio Fazio racconta al pm Francesco Greco: “A fine 2004-inizio 2005 sono venuti da me Fassino e Bersani a chiedere se si poteva fare una grande fusione Unipol-Bnl-Montepaschi. Io li ho ascoltati”. A che titolo il segretario Ds si occupava di fusioni bancarie? Mistero.

Nell’estate 2005, il Compagno Grissino (come lo chiamano a Torino) ci ricasca. L’Unipol di Giovanni Consorte, la compagnia assicurativa delle coop rosse, si svena per scalare la Bnl. Giornalisti, imprenditori e politici della sinistra segnalano i rischi dell’operazione e l’impresentabilità dei compagni di avventura: il banchiere Fiorani, gli immobiliaristi Ricucci e Coppola. Ma Fassino li difende a spada tratta: “Considero incomprensibile la puzza sotto il naso che li circonda. Bisogna solo capire se un imprenditore fa bene o meno il suo mestiere” (22-6-2005). “È tanto nobile costruire automobili o essere concessionario di telefonia, quanto operare nel mondo finanziario o immobiliare” (7-7-2005).

Quando le telefonate di Fassino, intercettate sulle utenze di Consorte, diventano pubbliche, il conflitto d’interessi tra Unipol e i vertici Ds dà un duro colpo alla credibilità del partito. Senza contare la figuraccia del segretario tenuto all’oscuro fino all’ultimo momento da Consorte & C., convinti che sia meglio non informarlo perché “tanto non capisce un cazzo”. Solo il 18 luglio, vigilia dell’Opa taroccata, Consorte gli svela i retroscena della cordata occulta che rastrella azioni Bnl in barba al mercato e alla legge. Fassino, anziché fargli notare la scorrettezza dell’operazione, prende appunti ed esulta: “Allora, siamo padroni della banca?… Portiamo a casa tutto… Bravo, bene, congratulazioni, bravo bravo, auguri!”. La telefonata uscirà il 2 gennaio 2006 sul Giornale di B. e costerà all’Unione di Prodi diversi punti alle elezioni, portando al sostanziale pareggio. A che titolo il leader Ds sponsorizzava scalate bancario-assicurative? Mistero.

Lui, anziché spiegare, grida al complotto contro la sinistra e le coop. Denuncia la fuga di notizie, per cui B. sarà condannato in primo grado e prescritto in appello (anche a risarcire subito Fassino con 80 mila euro, che però il buon Piero non ha mai chiesto: non si sa mai…). E soprattutto si proclama “fedele alla lezione che ci ha lasciato Enrico Berlinguer”. Strano, perché due anni dopo riabilita Craxi come padre della “sinistra riformista” e addirittura lo issa nel “Pantheon del Pd con De Martino, Lombardi, Pertini e Nenni”.

Nel 2011 si candida a sindaco di Torino. E chi sceglie come coordinatore della sua campagna? Un compagno pregiudicato: Giancarlo Quagliotti. Che, dopo la sua elezione, diventa il suo braccio destro. Nel 1983 Quagliotti è capogruppo al Comune e viene coinvolto negli scandali Zampini e “semafori intelligenti” (sarà poi prosciolto). Nel ’93 è di nuovo indagato per una tangente di 260 milioni di lire dalla Fiat al Pds. E stavolta viene condannato in via definitiva a 6 mesi per finanziamento illecito con il suo sodale Primo Greganti. La mazzetta riguarda l’appalto per il depuratore del consorzio Po-Sangone: è stata versata su due conti cifrati a Lugano, “Idea” e “Sorgente”, aperti rispettivamente da Quagliotti e Greganti. Quelle vecchie mazzette rosse tornano d’attualità nel 2014, quando nel frattempo Fassino è trasvolato dalla Ditta al fronte renziano. A Milano viene riarrestato Greganti per le tangenti Expo. Uno degli imprenditori pagatori è Giandomenico Maltauro, anche lui arrestato, che dichiara a verbale: “Greganti si consultava con Bersani e Fassino”. Bersani smentisce di aver “mai in vita mia incontrato o parlato con Greganti”.

Fassino invece smentisce ciò che Maltauro non ha mai detto (“in vita mia non mi sono mai occupato di appalti”), ma non ciò che ha detto sui presunti referenti del Compagno G. Il quale, nel Pd torinese dei fassinian-renziani, ha riottenuto la tessera del partito nonostante le due condanne definitive per Tangentopoli. Pochi mesi dopo, scandalo del Mose a Venezia. Viene arrestato il sindaco pd Luigi Orsoni e Fassino mette subito la mano sul fuoco: “Chi lo conosce non può dubitare della sua onestà e correttezza. I magistrati appurino presto la sua innocenza per consentirgli di tornare sindaco”. Poi Orsoni confessa e si dimette. La scena si ripete con Vasco Errani, condannato in appello per falso, e per Vincenzo De Luca, condannato in primo grado per abuso. Fassino li difende entrambi, diventando il santo protettore dei pidini condannati. Nei secoli “fedele alla lezione di Berlinguer”, ci mancherebbe.

il Fatto Quotidiano, 29 gennaio 2015