“Un Presidente, c’è solo un Presidente”. Alcune decine di giovani scatenati – e mascherati – si sono radunati di fronte al Quirinale in un flash mob per sostenere la candidatura al Colle di Giancarlo Magalli. Dopo il trionfo nel sondaggio del Fatto.it, è arrivata l’investitura della piazza. Nonostante la pioggia battente, il conduttore non si è negato e ha partecipato col sorriso: “Questi voti arrivano dai giovani, è un voto di dissenso. Vogliono dire: ‘mettiamo la faccia di Magalli, ma per togliere le facce degli altri”. Sul voto “vero”, Magalli converge con il Pd su Mattarella: “E’ un bel nome. Secondo me ce la farà prima della quarta chiama. Sarebbe una prova di debolezza di Berlusconi e soprattutto una prova di forza di Renzi. A me piacerebbe anche Veltroni”. E Berlusconi farebbe mai votare Forza Italia per Magalli? Il conduttore è scettico: “Non credo. Anche perché io non voterei per lui. Non ho mai pensato di lavorare per Mediaset e comunque gli ho già mandato la Carfagna, il mio contributo l’ho dato”  di Tommaso Rodano

Sfoglia storify