Giuseppe Civati arriva a Milano per partecipare alla convention di Sel ‘Human Factor’ e il suo è uno degli interventi più attesi sul palco. Alla vigilia della riunione tra Renzi e deputati e senatori del Pd, dice al fattoquotidiano.it: “Ho in mente Romano Prodi e non capisco perché ragionare sul suo nome significhi insultare il Pd o Renzi. Gli manderò un messaggio già oggi”. E sugli insulti ricevuti sul suo blog dopo la proposta del candidato al Colle un N-N, un ‘non-Nazareno’, dice: “Non so se ho deluso i miei elettori, ma credo che molti siano qui (alla kermesse del partito di Vendola, ndr) oggi. Quindi se i miei elettori si sono già spostati, devo riflettere”  di Francesca Martelli