“Vogliamo fare luce su una vicenda poco chiara che riguarda l’azienda della famiglia Renzi: sulle eventuali irregolarità e su un possibile conflitto d’interessi”. Così Giorgia Meloni, presidente di Fratelli-Alleanza Nazionale, in conferenza stampa alla Camera presenta una mozione parlamentare per avere chiarimenti in merito ad un presunto prestito ottenuto dalla Chil Post nel 2009, finanziato al 10% dalla Fide Toscana e al 90% dal fondo del Tesoro. “Vorremmo capire – dice la Meloni – se c’è stato un danno erariale e se possiamo far ritornare nelle tasche degli italiani 200 mila euro erogati all’azienda del premier, nel caso questi fondi fossero stati concessi senza il rispetto della normativa”. “Grazie ad una nostra interrogazione regionale – aggiunge Giovanni Donzelli, consigliere toscano di Fratelli d’Italia – sono emerse diverse irregolarità, cessioni di rami d’azienda e spostamenti dalla toscana in Liguria mai comunicate dall’azienda secondo quanto previsto dal regolamento”  di Irene Buscemi