Alle 10.45 il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, Gianni Letta e Denis Verdini fanno il loro ingresso a Palazzo Chigi per incontrare il presidente del Consiglio e segretario del Pd Matteo Renzi per discutere di riforme e Quirinale. Stefano Fassina, deputato della minoranza dem, invita Renzi a ritirare ora, prima del voto per il Quirinale la ‘Salva Berlusconi’: “Dobbiamo sgombrare il campo da conflitti d’interesse che riguardano Berlusconi, perché siamo l’unica democrazia al mondo – afferma ai microfoni de ilfattoquotidiano.it – che nel momento coinvolge il capo dell’opposizione nella scelta del presidente della Repubblica, della Legge elettorale e della Riforma Costituzionale del Senato, tiene appeso un decreto fiscale che oltre a favorire i grandi evasori, ha una conseguenza specifica su Berlusconi al quale potrebbe restituire l’auspicata – da lui – agibilità politica. Renzi faccia il decreto fiscale in questi giorni per sgombrar ogni dubbio – continua Fassina che sulla legge elettorale è chiaro – con i capilista bloccati, quasi due terzi dei deputati nominati dai segretari dei partiti e con i senatori non più eletti, la democrazia regredisce – conclude -, avremo una situazione peggiore del Porcellum. Questo è un fatto, non una gruccia della minoranza del Pd”  di Manolo Lanaro